News

587 da bere: st’estate te la bevi con File Toy e Gian Flores!

Disponibile su tutte le piattaforme dal 9.07 il nuovo singolo “587 da bere” firmato File Toy & Gian Flores, il singolo dell’estate che non ti aspettavi e di cui non sapevi di aver bisogno.

Con un beat che parla da sé e che scandisce i brividi sulla pelle, Gian Flores ci trasporta verso un oasi estiva peculiare, esotica ed afosa al tempo stesso. Come se mantenesse, tra una sonorità e l’altra, i rimandi alla grande città ed alle sue controversie: riesci a sentire “the sound of da Police”?

In questa cornice offerta dal producer e beatmaker dell’Emilia Romagna, File Toy si inserisce perfettamente con il rap che lo contraddistingue, alzando di gran lunga le aspettative che si potrebbero avere pensando ad un singolo estivo, solitamente canonico e “leggero”, per così dire.

“Bella Roma / ma mi manca il mare / il mio mare / quello che risucchia il male” (587 da bere, File Toy e Gian Flores)

Marchigiano di nascita ma romano d’adozione, File Toy racconta delle passeggiate nel caldo torrido d’una città che ti culla e ti risucchia, nella giungla della capitale, dove i pensieri non fanno che tornare insistentemente alle onde che chiami casa, le uniche a poterti consolare davvero.

Avevamo già sentito il rapper parlare delle spiagge della sua città, in particolare riferendosi a “Sun beach” di San Benedetto del Tronto, dedicandogli un singolo omonimo nel 2020: “Sun beach la prima stronza che abbia amato / la prima sbronza / il primo tiro / ogni primo reato” (Sun Beach, File Toy, Gian Flores, Ljuba De Angelis)

Quest’ultima torna più volte tra le barre del rapper marchigiano, essendo per lui un luogo ricco di storie ed emozioni d’esperienze passate: “Sun beach la prima stronza che abbia amato / non sai quanto mi è costato essermene andato” (587 da bere, File Toy, Gian Flores)

Lo stesso titolo è un omaggio alla sua città: 587, se scritti (si ricordino le origini da writer di File Toy), rappresentano l’acronimo del paese sulla costa marchigiana tanto amato dall’artista (S.B.T).

Come molti che se ne sono andati dalla propria città natale per vivere altrove, File Toy resta tanto grato a Roma quanto devoto alle onde del mare che l’hanno accompagnato nelle prime rime: “ogni mia strofa è nata qui / tra mille impicci / mille sfizi / mille vizi” (587 da bere, File Toy, Gian Flores)

Un singolo dove non si fatica a immedesimarsi, il sottofondo perfetto per bersi quest’estate afosa!
Grazie a File Toy e Gian Flores che come sempre la toccano piano ma perfettamente.

“Da Prenestina a lungo mare sai che fa? / Anche st’estate, l’estate me la bevo!” E tu? Che aspetti a pomparla?

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


The reCAPTCHA verification period has expired. Please reload the page.

Pulsante per tornare all'inizio