Rap italiano

Gaza is Alive 2019 – Hip Hop Senza Frontiere: il progetto volto ad aiutare i minori costretti a crescere in zone di guerra

Si sa che in un conflitto a farne realmente le spese sono sempre gli innocenti, i civili: uomini, donne e bambini.
La Striscia di Gaza con i suoi 360 km² di estensione è ormai diventata a conti fatti una prigione a cielo aperto, non più casa, non un luogo dove poter vivere, crescere e realizzarsi.
La questione palestinese dura da anni e, purtroppo, non sembra vicina ad arrestarsi.

Non dobbiamo dimenticare che la guerra, oltre ai disagi economici (dalla disoccupazione alla malnutrizione) porta con sè problemi strettamente legati alla salute mentale di chi ogni giorno la subisce.

E’ quindi in questi ambienti che nasce la necessità di offrire un supporto psicologico e sociale, un aiuto concreto, uno svago per le persone che vivono costantemente nella paura di un attacco aereo che possa spezzare improvvisamente la loro vita e/o quella dei loro cari. Ed è proprio in queste zone che grazie a collettivi come Camp Breakerz Crew, attivi dal 2004 nel campo profughi di Nusseirat, si può fare la differenza.

Cos’è dunque il progetto Gaza is Alive 2019?

Gaza is Alive 2019 – Hip Hop Senza Frontiere è: “un progetto che nasce dall’esigenza di fornire ai minori costretti a crescere in una zona difficile come la Striscia di Gaza, gli strumenti utili per affrontare il presente e il futuro nella maniera più serena possibile.”

Attraverso una scuola di Hip Hop ci si occuperà della salute mentale dei bambini vittime di disturbi post traumatici da stress.
Rappers, writers, b-boyz & girlz, tramite workshop ed affiancati ad un team di esperti e psicologi daranno sollievo a tutti quei bambini costretti a crescere in zone di guerra. Forniranno loro la possibilità di sentire un senso di libertà in una vita di assedi, bombe e distruzione. Si metterà in atto quel messaggio di pace, unità e rispetto da sempre parte fondamentale nella cultura Hip Hop.

Le attività saranno seguite e supervisionate da tutor i quali si accerteranno di monitorare i progressi e ad accertare la validità dei metodi terapeutici applicati.

Gaza is Alive 2019 – Hip Hop Senza Frontiere

La scuola è tuttavia interamente finanziata dalle rette delle famiglie che date le condizioni di povertà da sole non riescono a sostenere tutti i costi. Ciò comporta, in alcuni casi, all’abbandono dei corsi. Gli insegnati sono parzialmente retribuiti e questo comporta il dover svolgere altre attività lavorative che tolgono tempo alla loro formazione. Su Produzioni dal Basso si è quindi attivata una campagna di crowdfunding per poter supportare questa iniziativa.

Un solo euro può significare molto per questi bambini.

E’ inoltre possibile contribuire anche tramite bonifico bancario utilizzando i seguenti dati:

IT82V0335901600100000154044
c/o Banca Prossima
Intestato a: Grafite HB
Causale: Gaza is Alive

Dare una mano a questa iniziativa significa permettere la continuazione di un supporto psichico oltre che fisico. I fondi raccolti serviranno all’affitto dei locali, alla spesa per gli strumenti necessari e per i corsi (progettati dalla danza fino alla scrittura).
Donando si potrà permettere a centinaia di ragazzi e bimbi di superare la quotidianità drammatica in cui si ritrovano a vivere.

Una jam ininterrotta volta alla realizzazione di un autentico Hip Hop Senza Frontiere. Perchè in fondo, citando Emma Goldman: if I can’t dance, it’s not my revolution.

Tags
Show More

Nasty

Non ho mai fatto mio il consiglio di scegliere un solo obbiettivo nella vita: "cerco il mio spazio, coltivo dove tutti han detto che non cresce un cazzo" e non sono mai stata capace a descrivermi. Interessata a diversi ambiti nel mondo dell'arte e amante dell'Hip Hop da anni, mi piace l'idea di poter contribuire sempre in qualche modo a questa cultura.

Related Articles

Back to top button