IntervisteRap italiano

Intervista a Bomber Citro (Massima Tackenza): Il Rap che parla ai giovani

Innanzitutto benvenuto da tutto lo staff del Rappuso e grazie per il tempo e la disponibilità.

Presentati ai nostri lettori per chi non ti conoscesse raccontando chi sei e da dove vieni.

Sono Bomber Citro di Padova: la mia crew è Massima Tackenza composta da Buzz, Wairaki, Dutch Nazari e me. Suoniamo insieme da dieci anni e due anni fa abbiamo buttato fuori il nostro ultimo disco dal titolo omonimo.

Come hai iniziato ad approcciarti al rap? E’ stato un approccio diretto oppure a stretto contatto con la cultura hip hop?

Ho iniziato ad approcciarmi al rap perché ho sempre amato scrivere e successivamente ho scoperto un suono che mi piaceva ed eccomi qui. Ho sempre avuto un approccio particolare al rap, uno stile mio personale che porto avanti tuttora nel bene e nel male.

Tu sei di Padova e nella scena da alcuni anni. Com’era la scena di Padova ieri e com’è oggi e se vuoi segnalarci qualche artista da tener d’occhio.

La scena di Padova è florida, oltre a Dutch Nazari che non ha bisogno di ulteriori segnalazioni ci sono Giovane Feddini, Intifaya e la sua crew in generale che ha un ottimo potenziale. Siamo una scena forte, con rapper validi e ne è la dimostrazione la posse track PdcityBitch che potete trovare su YouTube. Si alternano ben undici rapper e a me il livello pare alto, quindi vi consiglio di andarvela a sentire.

Un aspetto che secondo me è molto interessante è il rapporto che hai con il tuo pubblico, quindi con i ragazzi della tua città. Come vivi questa situazione e quanto pensi sia importante un rapporto diretto con i propri fan?

Quando ero più giovane, la gente mi prendeva in giro perché facevo il rap, adesso pensare che i ragazzini mi fermino per le foto o per complimentarsi con me, mi fa strano e allo stesso tempo simpatia. Cerco di avere un rapporto molto alla pari: vanno bene la foto e l’autografo, ma poi andiamo a berci una birra insieme e parliamo. Mi piace avere un rapporto umano, esser vicino e dare un buon consiglio a tutti, perché a Padova bisogna fare così. Questo è il tipo d’insegnamento che voglio si porti avanti.

Oltre alla tua carriera da solista sei membro ormai da anni del gruppo Massima Tackenza. Raccontaci com’è nato questo progetto/gruppo e il vostro percorso musicale dagli inizi fino ad arrivare a oggi.

Massima Tackenza è un collettivo, ma la cosa bella è che noi ci conosciamo da un sacco di tempo e facciamo musica insieme ormai da dieci anni. Siamo molto attivi come solisti: l’ultimo disco di un membro della nostra crew è Amore Povero di Dutch Nazari uscito per Giada Mesi e Undamento. Abbiamo fatto un disco due anni fa portandolo live per un anno e mezzo accompagnati da Dj Linch. La gente ha recepito il messaggio, non è stato un disco fastfood, ma al contrario ha segnato in qualche modo Padova. Questo disco ha fatto sì che la gente ci riconoscesse come la voce di Padova e questo non può che farmi piacere e riempirmi d’orgoglio. Eravamo un gruppo di amici che condividevano una passione, che facevano freestyle in centro a Padova sempre nello stesso posto. Se ti piaceva la situazione, volevi fare freestyle o venire ad ascoltare quello era il luogo giusto. Da tante persone che eravamo c’è stata una sorta di selezione naturale e sono rimasti solo quelli che ci credevano davvero e che se lo sentivano dentro. Noi siamo prima di tutto amici, questo è ciò che ci accomuna e tiene maggiormente uniti. Abbiamo quattro approcci di scrittura completamente diversi che grazie agli anni di lavoro insieme si amalgano perfettamente tra loro. Siamo molto genuini, spontanei e veritieri. Noi descriviamo Padova: la nostra città, il luogo in cui viviamo e la gente ci rispetta per questo.

Infine se vuoi anticiparci qualche tua nuova uscita da solista o dei Massima Tackenza e se vuoi dire ai nostri lettori dove seguirti e dove acquistare i tuoi lavori.

Io sto facendo un disco ufficiale di cui non posso ancora spoilerare nulla, ma posso dirvi che ci sarà bella gente di cui sono fierissimo. Inoltre sto facendo un Ep con Dj Apoc, quindi butterò fuori prima l’Ep poi il disco e ovviamente alcuni video di cui sto curando ancora la realizzazione. Per quanto riguarda i Massima Tackenza non abbiamo progetti in programma, quando abbiamo voglia ci troviamo e andiamo in studio a registrare un disco. Se volete restare aggiornati sui miei progetti, quelli della mia crew potete seguirmi sui social e aspettare a settembre l’uscita dei lavori.

 

Tags
Show More

Print

Nato a Bergamo nel 1994 inizia ad affacciarsi al rap nel 2008, ma solo qualche anno più avanti verrà travolto e folgorato da una passione sfrenata per l’hip hop. Da ormai tre anni trascorre il suo tempo libero andando a concerti ed eventi hip hop in ogni parte del Nord Italia. Guardatore seriale di ogni sport in televisione ed ex giocatore di basket. Si diletta a scrivere articoli, ma non ancora soddisfatto organizza il booking per alcuni artisti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Related Articles

Back to top button
Close