ClassificheRap italiano

Le 10 scuse che usi per non ammettere che stai supportando il “trash rap”

In una scena sempre più variopinta e nella quale il trash diventa un’arte da esibire ci sorge spontanea una domanda:” ma se nessuno ascolta i vari Young Signorino o la “più meritevole” Dpg, come fanno questi soggetti a vendere e diventare i personaggi di tendenza per milioni di persone?!”.

La realtà è che per quanto le masse esterne all’ambiente Hip hop facciano una gran parte in questo gioco al supporto del trash, la colpa è spesso anche la nostra che per mille motivi diversi diamo visibilità ai fenomeni spazzatura del web, spesso e volentieri non ammettendolo nemmeno a noi stessi. Ecco allora le 10 scuse che usiamo più frequentemente per non ammettere a noi stessi e agli altri la nostra complicità in questo processo:

[huge_it_slider id=”9 “]

 

 

 

Federico

Steek nasce in un piccolo paesino della Sardegna negli ’80 per poi emigrare con la valigia di cartone e una sfilza di dischi hip-hop nella capitale. Durante la seconda metà degli anni ’90 viene folgorato dalla cultura hip hop in tutte le sue forme e discipline, dapprima conoscendo il rap Made in USA, arrivando poi ad appassionarsi al rap Made in Italy grazie ad artisti storici, quali: Assalti Frontali, Otr, Colle der fomento, Sangue Misto e molti altri. Fondatore della page “Il Rappuso” che lo porta a collaborare con tutta la scena rap underground italiana, mette la sua voce e la sua esperienza al servizio di LOWER GROUND con la trasmissione che prende il nome dalla sua creatura “IL RAPPUSO”.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button